Home MuDeToSeguici su Facebook / Follow Us on FacebookSeguici su Istagram / Follow Us on Istagram
space
MuDeTo YearBook 2019-21
space












PERCHÉ MUDETO




space



STATUTO




space



REGOLAMENTO




space



CONSIGLIO DIRETTIVO




space



MEMBRI ONORARI




space



MEMBRI RICERCATORI




space



I SOCI




space



PER ASSOCIARSI




space



VOLUMI MUDETO




space



CONTATTI




space
 
MuDeTo Nav Bar
PERCHÉ MUDETO 


L’irrefrenabile “conversione al digitale” di molte pratiche quotidiane unita al successo dei social network portano a prevedere che anche il mondo del design industriale vivrà ben presto un’evoluzione critica.




Del momento attuale, preoccupa in particolare un fenomeno sempre più rilevante: la marcata concentrazione comunicativa nei riguardi di alcune aree produttive italiane e non altre. Concentrazione che giocoforza tende anche a sovrastimare il ruolo e la consistenza promotrice e riformatrice di luoghi, fabbriche, persone ed eventi, a tutto discapito di ulteriori realtà altrettanto importanti e significative.




Nel mondo del design molto conosciuto è il Nord Italia che esprime la propria veste trainante con grande persuasività. Al contrario, nell’immaginario collettivo, la regione Toscana è perlopiù associata ai monumenti e alle opere d’arte del Rinascimento, ai bei paesaggi della campagna toscana o alla cultura culinaria del territorio. Assai poco s’è tramandato e raccontato per quanto invece concerne la capacità creativa e produttiva espressa nella modernità e nell’epoca contemporanea. E quanto, della recente o attuale produzione industriale, sia riconducibile alle competenze progettuali e creative del capoluogo o delle province toscane.




Proprio per scongiurare la “damnatio memoriae” che affligge il contributo toscano al progetto industriale dagli albori dell’unità d’Italia, nel 2013 è nato il Museo del Design Toscano (MuDeTo), un’associazione culturale, ma anche, e soprattutto, un museo digitale in rete.




Come primo museo online al mondo in grado di raccontare e tramandare i valori creativi e produttivi riconducibili alla regione, MuDeTo realizza per ogni prodotto inserito schede tecnico-critiche (dedicate a: oggetto/gamma, autore/ideatore, produttore/committente) totalmente accessibili via smartphone, tablet e computer, proponendo così una formula innovativa di archivio/collezione (arricchito da testimonianze e documenti d’epoca), che funge da “scelta ragionata” di eccellenze del territorio progettate e/o prodotte nei più diversi settori manifatturieri. Un progetto di archivio che è divenuto fin da subito un modello per altre regioni – Friuli Venezia Giulia (mudefri.it) e Marche (mudema.it) – idealmente connese alla Toscana nell’ambizioso progetto nazionale dei “MuDe in Italy”.




Profondamente persuaso che innovazione e creatività progettuale non conoscano enclave produttive, MuDeTo non ha preclusioni di sorta nei riguardi dei settori da considerare nella propria cernita. Ogni anno vengono pertanto “acquisiti” e resi disponibili online i data sheet di almeno 6 prodotti di pregio appartenenti a più diversi ambiti industriali: dall’arredamento alle strumentazioni tecniche, dall’accessorio moda al food design.




Ogni oggetto “conservato” in MuDeTo è corredato da un saggio (o “motivazione”) teso a far emergere il contesto nel quale si colloca l’azione dei relativi autori e produttori: come e perché l’evento singolare rappresentato dal prodotto sia da ritenersi esemplare; come e perché quel determinato oggetto abbia acquisito rilievo e valore; le specifiche innovative, tecnologiche, di costo, di quantità, estetiche, nonché la fortuna produttiva e l’eventuale popolarità raggiunta dal prodotto in un ben determinato lasso temporale.




Il piano dell’opera è ovviamente più vasto dell’attuale rassegna disponibile sul web. Rispetto alle diverse centinaia di acquisizioni previste, la “copertura” attualmente accessibile non è che la punta di un iceberg popolato da figure eccellenti (arguti ideatori, sapienti sublimatori, previdenti committenti, competenti commercianti) e oggetti che si sono dimostrati, antesignani, efficaci o comunque in grado di cogliere l’interesse tanto del pubblico che del mercato.




Un numero corposo di attori e realtà produttive che MuDeTo ritiene cruciale passi definitivamente dall’anonimato al riconosciuto protagonismo. A beneficio, in particolare, di quei “maestri” e “fabbriche” rimasti sullo sfondo di una narrazione sempre più concentrata su aree, imprese e professionisti la cui dialettica semplificata design/impresa appare ormai inadeguata a rappresentare un contesto complesso, come l’attuale, conteso tra aneliti local e necessità global.




Con la sua attività di regesto del patrimonio storico e attuale toscano, MuDeTo intende quindi rispondere a due ben definite esigenze oggi ampiamente inevase:




1) offrire legittimo riscontro specifico alle numerose realtà finora colpevolmente non emerse;




2) profilare un’identità complessiva del progetto regionale che si riveli efficace anche in termini di rivalsa collettiva, di orgoglio allargato al territorio e alle sue genti.




Agli operai come ai progettisti che, insieme, hanno contribuito e contribuiscono tuttora a definire sia la qualità produttiva che la riuscita economica toscana.

I soci fondatori:
Luigi Trenti
Gianfranco Gualtierotti
Umberto Rovelli


INFO & CONTATTI SOCI FONDATORI 



x


     
MUDETO PRODUCTS CREATORS PRODUCERS SEARCHING